Priorità 5 – Creazione di network tra il Nord Sardegna e altri territori

La politica locale per la pesca portata avanti dai gruppi di azione costiera si pone, fra le diverse finalità, quella di attuare un sistema di cooperazione internazionale attraverso lo sviluppo di network fra il nostro territorio e altri importanti sistemi socioeconomici europei, attivando nuove reti, ad esempio tra i GAC dell’UE, che consentano il  trasferimento di buone pratiche.

Gli ambiti  di cooperazione spaziano dal tema dell’organizzazione di reti di relazione, a quello della cooperazione tra territorio affini, dal tema della logistica e commercio nella filiera ittica a quello della qualità intesa nella sua più ampia accezione di qualità ambientale, del prodotto ittico, della vita nei territorio eleggibili, ma anche qualità dei rapporto e relazioni con l’Unione Europea, o con i paesi in via di sviluppo nel Bacino del Mediterraneo.

Le azioni per raggiungere gli obiettivi di cooperazione previsti dal PSL sono:

  • Cooperazione con altri paesi del mediterraneo, per far conoscere altre esperienze e buone pratiche agli operatori della pesca attraverso l’interscambio transnazionale
  • Studio, promozione e valorizzazione della pesca e dell’ambiente, per costruire un modello di gestione delle aree ad alto valore ambientale, migliorare la sensibilità verso di esso e sensibilizzare ad una pratica sostenibile dell’attività di pesca

La priorità 5 è resa possibile grazie al contributo FEP 2007-2013, il contributo regionale e la quota di cofinanziamento resa disponibile da dalla CCIAA del Nord Sardegna e alcuni soggetti privati.