Priorità 1 – Governance del settore della Pesca.

Governance del settore della pesca Il processo partecipativo che ha coinvolto il paternariato nella fase di predisposizione del Piano di Sviluppo Locale “Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna” e l’analisi del contesto di riferimento hanno fatto emergere con evidenza la necessità di una governance dell’intera filiera ittica, funzionale al superamento di politiche parcellizzate e poco coordinate tra loro. Pertanto, sin da subito ha assunto rilevanza strategica l’istituzione di una Cabina di Regia della politica locale per la pesca, che si propone di affrontare e ridurre la complessità delle dinamiche che pervadono l’intera filiera ittica e ricondurre a sistema le azioni previste nel Piano in un’ottica di sviluppo integrato del settore. Nell’ambito di tale azione di governance, il Piano prevede la creazione dello Sportello Unico per la Pesca, vale a dire di uno strumento di assistenza che aiuti gli operatori ad orientarsi in un contesto complesso, nel quale operano diverse istituzioni con diverse competenze, e che vede l’interazione di diversi aspetti, da quelli socio economici a quelli normativi e amministrativi, fino a quelli ambientali ed ecologici. Lo Sportello, pertanto, costituirà uno strumento fondamentale di supporto agli operatori e a chi si vuole approcciare al settore con nuove attività d’impresa, e che abbisogna di supporto per aspetti non solo tecnici di operatività nel settore pesca ed economia del mare, ma anche sugli aspetti amministrativi e burocratici che dovrà affrontare. Svolgerà quindi un ruolo di facilitatore dei rapporti tra l’imprenditore ittico e i suoi interlocutori. Perché la governance possa dispiegarsi al meglio ed essere efficace, il Piano di Sviluppo ha previsto un’intensa ed articolata azione di comunicazione, sia interna che esterna al paternariato. Fra gli strumenti impiegati a tal fine oltre all’adozione di un sito internet, di un logo e di un manuale dell’immagine coordinata, sono previste azioni di promozione e divulgazione,  ascolto e partecipazione, che garantiscono una vera e propria “manutenzione” del rapporto tra Cabina di Regia, beneficiari, destinatari delle azioni, e soggetti potenzialmente interessati alle attività del GAC Nord Sardegna. Gli strumenti attraverso i quali sviluppare la comunicazione sono brochure, guide ed opuscoli, il sito web istituzionale che consente un dialogo continuo tra gli operatori e tutte le attività di ascolto e partecipazione connesse alla realizzazione del piano. Le azioni di comunicazione e governance riconducibili di cui alla priorità 1, sono rese attuabili grazie al contributo FEP 2007-2013, al contributo regionale e al co-finanziamento da parte delle Province di Sassari e Olbia Tempio, e della Camera di Commercio del Nord Sardegna.

 

PROGETTI ESECUTIVI: SCHEDE APPROVATE DA ARGEA

Scheda az. 111 – Cabina di regia per la Governace del comparto pesca

Scheda az 123 – Sportello Unico Pesca

Scheda Az. 451 – Comunicazione del PSL e partecipazione dei beneficiari alle attività del Piano