Az. 234/bis – Le foci del Coghinas: percorso naturalistico di connessione mare – interno con monitoraggio e proposte di gestione della risorsa ittica

Loghi Top Pagine GAC NS

Partner Attuatore: La ex Provincia di Olbia – Tempio     olbiatempio

GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna
PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna
CUP H86D13000190007
Numero Azione (riferimento PSL) 2.3.4 – bis
Titolo Azione (riferimento PSL) Le foci del Coghinas: percorso naturalistico di connessione mare – interno con monitoraggio  e proposte di gestione della risorsa ittica

IL PARTNER ATTUATORE

olbiatempio

LA EX PROVINCIA DI OLBIA-TEMPIO

La provincia di Olbia-Tempio conta complessivamente 26 comuni, con una popolazione di 159.141 abitanti (il 9,5% della popolazione sarda) e si estende per 3.397 km² (il 14,1% del territorio sardo)

Il territorio provinciale comprende la regione storica della Gallura (con eccezione dei comuni di Viddalba ed Erula, rimasti in Provincia di Sassari), inclusa la costa nord-orientale della Sardegna (tra cui la Costa Smeralda), l’Arcipelago della Maddalena. Sono inoltre comprese nella Provincia la parte settentrionale della regione storica del Montacuto, una piccola parte delle Baronie e il versante orientale del Lago del Coghinas.

Del territorio provinciale fanno parte 9 Sistemi Locali del Lavoro, secondo la classificazione operata dall’ISTAT sulla base del Censimento dell’anno 2001:


DESCRIZIONE DELL’AZIONE

L’azione 2.3.4 bis è a gestione diretta, e verrà attuata dal GAC attraverso il supporto operativo del Partner Provincia di Olbia-Tempio individuato in sede di candidatura del PSL dal partenariato come partner di riferimento per lo sviluppo del progetto.

Il partner agirà non solo fornendo il proprio apporto in termini di capacità organizzativa e professionale, ma anche in qualità di co-finanziatore dell’azione. Nell’attuazione dell’azione si coordinerà con i partner dei Comuni di Badesi e Valledoria, territorialmente interessati dall’azione.

La Foce del Coghinas è un Sito di Interesse Comunitario (SIC ITB010004), in relazione al pregio naturalistico dell’area e alla particolare valenza del corridoio ecologico acquatico rappresentato dal Fiume Coghinas per tutta la fauna acquatica e terrestre e per l’avifauna. L’ecotono dato dall’incontro fiume-mare e acque dolci-acque salate richiama pesci dal mare al fiume e viceversa, ed innesca fenomeni migratori: tra i pesci di particolar interesse si ricordano l’anguilla, oggetto di un recente Piano di tutela e gestione nazionale e regionale, e la cheppia (Alosa fallax), inserita in Allegato II della Direttiva Habitat.

Tali presenze, da tutelare e gestire, vanno considerate, insieme alle altre specie ittiche che possono essere oggettivamente pescate ed utilizzate, anche come veicolo turistico-sportivo, con criteri di sostenibilità.

Altro aspetto peculiare è dato dall’andamento del corso delle foci che segue un andamento parallelo alla fascia litorale per circa 3 chilometri delimitando una fascia di cordoni di spiaggia e conformazioni dunarie, stabilizzate e mobili, di rilevante pregio naturalistico.

L’intervento crea una sinergia con gli strumenti di pianificazione vigenti a tutela e gestione dell’area SIC adottando una strategia volta a valorizzare il rapporto tra entroterra e mare con finalità naturalistiche-turistiche-sportive-ricreative.

L’azione che si intende proporre pertanto integra gli strumenti sopra citati e consiste nelle seguenti attività:

  • Monitoraggio e deframmentazione dell’area con particolare riferimento alle dinamiche ittiche anche al fine di individuare un’area per il ripopolamento in funzione delle zone di pesca e della tutela delle specie di importanza conservazionistica.
  • Studio sulle ipotesi di fruizione  dell’area per fini legati allo sviluppo di attività connesse alla pesca e alle risorse ittiche con definizione di spazi fruibili e forme di tutela della risorsa ittica del fiume Coghinas
  • Definire un Regolamento di pesca sostenibile e predisposizione di materiale illustrativo e promozionale della zona di pesca, delle sue valenze naturalistiche, del regolamento di pesca
  • Eventuale acquisizione di attrezzature che si rendessero necessarie per l’attuazione dell’azione ad integrazione dell’esistente e a supporto della fruizione dell’area (quali puro titolo esemplificativo ma non esaustivo, box per punti informativi o servizi igienici).

L’azione proposta viene quindi ad integrare i seguenti progetti in corso di realizzazione:

  • sistemazione idraulica dello sbocco a mare del Coghinas (Consorzio di Bonifica e Regione Autonoma della Sardegna);
  • Tutela delle dune foce del Coghinas con spostamento della viabilità (Comune di Valledoria);
  • Allestimento aree di servizi (Comune di Badesi)
  • Realizzazione scale pesca sul corso del fiume Coghinas nelle dighe di Casteldoria e Muzzone (Provincia Olbia Tempio).

La sinergia tra l’intervento proposto e le azioni sopracitate evidenzia l’importanza del rapporto tra natura, terra e mare e la realizzazione di percorsi naturalistici come punti di interesse ambientale, culturale e storico fruibili anche per lo sviluppo di attività per pesca turismo e pesca sportiva.


FOTO E VIDEO DELLE ATTIVITA’


DOWNLOAD